Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 19 gennaio 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Politiche in materia di competenze per contrastare la disoccupazione giovanile (A8-0366/2015 - Marek Plura)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. ‒ L'Europa, per poter accelerare e superare la contingenza della crisi economica, ha bisogno di mettere in campo tutte le misure finanziarie e le strategie politiche di medio e lungo termine che il momento storico, particolarmente delicato, richiede.

Ma immaginare una crescita concreta per il nostro futuro significa innanzitutto ridurre il tasso di inoccupazione dei nostri giovani: 7 milioni di ragazzi non occupati né studenti è un dato inaccettabile, e lo è ancor di più se le analisi ci dicono che in Europa ci sono attualmente 2 milioni di posti vacanti. Vuol dire che attualmente non è stata messa in campo una gestione organica e intelligente della domanda e dell'offerta in campo lavorativo e prima ancora formativo, generando giovani iperqualificati per canali già saturi e larghi settori vivi e ricettivi destinati a soffrire l'insufficienza di manodopera. È un paradosso cui dobbiamo immediatamente metter fine.

Solo regalando ai nostri giovani un accesso più semplice e democratico al mondo del lavoro possiamo pensare a un accelerazione reale della macchina europea in termini di competitività, sviluppo e nuovi orizzonti imprenditoriali. Trovo pertanto importante supportare questa relazione, sottolineando soprattutto l'urgenza di una nuova filosofia della formazione scolastica: lungimirante, multidisciplinare e strettamente connaturata al panorama e alle necessità della rete professionale.

 
Note legali - Informativa sulla privacy