Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 14 aprile 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Raggiungimento dell'obiettivo di lotta contro la povertà alla luce dell'aumento delle spese delle famiglie (discussione)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. Si attesta oggi dolorosamente invece un dato di crescita del numero di cittadini che versano in condizioni economicamente e socialmente sempre più precarie, complici indubbiamente la dilagante crisi economica che ha investito gran parte dell'Europa e le politiche di austerità che hanno inasprito molte condizioni già particolarmente difficili.

Credo fermamente che, per far fronte ad un'urgenza simile, sia necessario attivare più canali, sviluppando nuove dinamiche e nuovi impegni che facciano leva su investimenti più larghi, solidi ed integrati tra le diverse azioni specifiche, prevedendo anche misure alternative e combinate a supporto della creazione di un nuovo pilastro europeo del diritto sociale. Intendo per esempio riferirmi all'incremento di sostegni mirati per persone che vivono in condizioni di povertà, misure di reddito minimo garantito, assistenza sanitaria e politiche abitative adeguate per le categorie più a rischio, proroga della durata del Fondo europeo di aiuti per gli indigenti, e supporto agli obiettivi sociali nella politica energetica, assicurando non solo interventi di tutela ambientale attraverso il ricorso a fonti rinnovabili, ma anche un ulteriore impegno alla prevenzione della povertà grazie all'impegno per l'introduzione di una possibile moratoria europea sulla sospensione del riscaldamento in inverno per le famiglie in particolare difficoltà economica.

 
Note legali - Informativa sulla privacy