Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 26 maggio 2016 - Bruxelles Edizione rivista

Povertà: una prospettiva di genere (A8-0153/2016 - Maria Arena)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. ‒ Vorrei offrire il mio sostegno all'ottimo lavoro della collega Maria Arena, che nella sua relazione "sulla povertà femminile: una prospettiva di genere" che ha così ben evidenziato le tante fragilità e i troppi ostacoli che ancora le donne incontrano nel loro percorso professionale e sociale, è stato per me occasione di poter ribadire il mio pieno supporto all'impegno UE a favore di nuove strategie che aiutino le donne a conquistare equità di diritti, riconoscimenti e possibilità sia a livello lavorativo, che di partecipazione e inclusione sociale. I dati Eurostat segnalano numeri allarmanti per quanto riguarda i cittadini che vivono in condizioni di povertà: 64,6 milioni di donne e 57,6 milioni di uomini: la recessione economica infatti, la precarietà dei contratti, la mancanza di sufficienti garanzie che permettano alle lavoratrici mamme i poter conciliare vita familiare con quella professionale, disparità retributiva e gap pensionistico di genere espongono le donne ad un rischio povertà e alienazione sociale inaccettabile. L'auspicio è che con la pressione costante che intendiamo continuare a fare con il nostro lavoro all'interno del Parlamento europeo, l'Unione si riconfermi garante dei diritti della persona e della donna e, con uno sguardo più ampio, anche dei diritti dei bambini e della famiglia. Della crescita e del nostro futuro.

 
Note legali - Informativa sulla privacy