Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 8 giugno 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Capacità nel settore spaziale per la sicurezza e difesa europea (A8-0151/2016 - Bogdan Andrzej Zdrojewski)
MPphoto
 
 

  Renata Briano (S&D), per iscritto. ‒ Investire nel settore spaziale significa spingere le imprese e i centri di ricerca a superare il limite delle loro attuali capacità e conoscenze tecniche e scientifiche: significa spronarle ad affrontare nuovi problemi e a inventare nuove soluzioni. Questo ha ricadute positive in qualsiasi campo tecnologico per la vita civile, dai nuovi materiali alle telecomunicazioni, dai sistemi di posizionamento satellitare all'efficientamento energetico. Molte grandi invenzioni che utilizziamo nella vita quotidiana sono figlie di investimenti nell'ambito della ricerca spaziale e della sicurezza e difesa: internet, gli smartphone, il microonde, molti polimeri termoresistenti, i navigatori GPS e molto altro. Investire in questo settore significa, quindi, investire nel futuro. E significa anche investire nella tutela della sicurezza dei nostri cittadini perché, già oggi e ancor più nei prossimi decenni, gli Stati europei devono essere pronti ad affrontare minacce di tipo misto e a lungo raggio e ogni progresso nelle capacità di prevenzione, di monitoraggio satellitare e di intercettazione missilistica è fondamentale per prevenire disgrazie e salvare molte vite umane.

 
Avvertenza legale - Informativa sulla privacy