Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 14 settembre 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Relazioni dell'UE con la Tunisia nell'attuale contesto regionale (A8-0249/2016 - Fabio Massimo Castaldo)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. ‒ La stabilità e lo sviluppo dei nostri vicini del Sud del Mediterraneo sono obiettivi strategici di grande rilevanza. La Tunisia, che è il primo paese ad avere sperimentato il cambiamento di regime a seguito delle rivoluzioni arabe, è da sempre un partner politico e commerciale di primo piano per l'Unione europea. Il rafforzamento della cooperazione economica deve andare di pari passo con il sostegno concreto alle riforme democratiche ed alla cooperazione per la sicurezza nella regione.

La relazione che abbiamo approvato oggi richiama l'Europa alla propria responsabilità di attore democratico: l'attrazione diplomatica che possiamo avere è infatti di grande peso, per accompagnare la società e le istituzioni tunisine verso una cooperazione che possa rendere più facile la gestione delle grandi crisi del nostro tempo, quali la lotta al terrorismo, la gestione dei flussi migratori, la sostenibilità ambientale.

 
Note legali - Informativa sulla privacy