Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 14 settembre 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Orientamenti per le politiche degli Stati membri a favore dell'occupazione (discussione)
MPphoto
 

  Enrico Gasbarra (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, ringrazio anch'io, non per forma ma nella sostanza, la relatrice Laura Agea, che ha elaborato insieme ai colleghi una relazione che traccia in modo preciso la difficile situazione occupazionale ed economica in cui versa l'Europa, delineando le criticità ma indicando, nel contempo, percorsi, proposte e nuove priorità.

Questa relazione non solo rivendica il legittimo ruolo del Parlamento, ma ribadisce in modo molto chiaro che le misure ordinarie sono insufficienti, che è tempo di integrare in modo concreto e ambizioso i target occupazionali e sociali all'interno delle procedure macroeconomiche, che è tempo di inserire forme adeguate di protezione contro i fenomeni del dumping sociale, come dimostrato dai recenti episodi che hanno colpito molti lavoratori e imprese.

Lo scorso anno il Consiglio non ha tenuto conto delle indicazioni del Parlamento e quest'anno non depone bene, perché addirittura non è presente. Mi appello alla signora Commissaria, che ringrazio per la sua presenza, affinché raccolga le linee e le indicazioni di questa relazione, così come mi auguro, cari colleghi, che il Parlamento, quando elaborerà nei prossimi giorni la proposta di riforma del diritto societario, tenga conto di questa relazione, perché anche attraverso questo il Parlamento può incidere sulle politiche sociali, economiche e occupazionali.

 
Note legali - Informativa sulla privacy