Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 15 settembre 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Obiettivi principali per la 17a riunione della Conferenza delle parti della CITES a Johannesburg (B8-0987/2016)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. ‒ Il traffico di fauna selvatica è il quarto mercato nero dopo la droga, il commercio di esseri umani, la droga e il mercato illecito delle armi. Eppure dubito che sia un problema universalmente riconosciuto. 181 paesi nel mondo, si riuniranno invece a Johannesburg il prossimo 2’ settembre per parlare di protezione della fauna e della flora selvatiche, tra questi i 28 paesi dell'UE. E l'approvazione di questo testo, oggi, offrirà all'Europa l'occasione di dare il suo contributo affinché si possa porre un contrasto reale a questo scempio di criminalità e corruzione. Il messaggio che dà oggi il Parlamento con questo voto è chiaro e inequivocabile: l'impegno per un incremento dei controlli e un invito alla cooperazione internazionale contro il commercio illegale, che corre anche online, regole certe e sanzioni, ampliamento delle misure di tracciabilità e la proposta di stato di massima conservazione per gli elefanti africani, che auspichiamo possa tradursi al più presto in un divieto assoluto per il commercio di avorio.

 
Note legali - Informativa sulla privacy