Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 15 settembre 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Attività, incidenza e valore aggiunto del Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione tra il 2007 e il 2014 (A8-0227/2016 - Marian Harkin)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. ‒ Il testo che abbiamo approvato, che ho sostenuto pienamente, traccia un importante bilancio politico dell'utilizzo di uno dei Fondi europei di maggiore rilevanza per i cittadini. Con il Fondo di adeguamento alla globalizzazione, infatti, l'Europa si è voluta dotare di uno strumento che possa dare sostegno e solidarietà nei confronti dei lavoratori in esubero a seguito di trasformazioni industriali e di evoluzioni del commercio mondiale, un fenomeno purtroppo in costante incremento negli ultimi anni.

Tra i punti politici più rilevanti, mi preme sottolineare l'appello alle istituzioni europee, come misura preventiva e che anticipi l'erogazione del Fondo (prima quindi delle ristrutturazioni aziendali) di garantire strumenti comuni per la partecipazione, consultazione e informazione dei lavoratori alle principali strategie delle imprese, in coerenza con quanto affermato in precedenza presso la commissione giuridica e la commissione per l'occupazione.

 
Note legali - Informativa sulla privacy