Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 5 ottobre 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Adesione del Kazakhstan alla convenzione dell’Aia del 1980 sugli aspetti civili della sottrazione internazionale di minori (A8-0268/2016 - Angel Dzhambazki)
MPphoto
 
 

  Giovanni La Via (PPE), per iscritto. – L'adesione del Kazakhstan alla convezione dell'Aia del 1980 inerente alla sottrazione internazionale di minori, risulta di rilevante importanza perché tende a tutelare questi ultimi da casi di sottrazioni internazionali. Il problema risulta essere il medesimo di quello di altri Stati, ovvero, nel caso di separazione dei genitori provenienti da paesi differenti, ove si tende a sfruttare la mancata cooperazione tra gli Stati per poter ottenere l'affido dei figli. Per evitare che i tribunali stabiliscano un affidamento sulla base della cittadinanza di uno dei genitori in cui il tribunale si trova, la relazione qui presa in analisi, mira a risolvere le problematiche che queste circostanze generano, facendo sì che la competenza venga a essere attribuita in capo ai tribunali del luogo di residenza del minorenne. Voto pertanto a favore della relazione.

 
Avvertenza legale - Informativa sulla privacy