Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 5 ottobre 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Obiettivi globali e impegni dell'UE relativi all'alimentazione e alla sicurezza alimentare nel mondo (B8-1042/2016)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. ‒ Quello con gli obiettivi fissati per lo sviluppo sostenibile entro il 2030 è un appuntamento che l'Europa non può permettersi di disattendere, perché fornire maggiori investimenti per l'alimentazione, garantire un adeguato sviluppo e rafforzamento delle reti di sicurezza sociale e sostenere un'agricoltura resiliente ai cambiamenti climatici potrebbe voler dire riuscire a salvare 7 milioni di bambini, entro il 2025, dalle minacce collegate a malnutrizione e fame.

La posta in gioco è troppo alta. Condivido pertanto la richiesta alla Commissione della collega McAvan per sollecitare un consolidamento degli attuali impegni finanziari e promuovere iniziative e strategie volte ad arginare gli allarmanti numeri che purtroppo registriamo in merito a malnutrizione e deperimento.

 
Note legali - Informativa sulla privacy