Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 5 ottobre 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Procura europea ed Eurojust (B8-1054/2016)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. ‒ La lotta alla frode nell'Unione è uno dei pilastri che l'Europa deve sostenere con il massimo impegno e che si traduce anche concretamente nel contrasto alle operazioni di elusione ed evasione fiscale, nella sfida ai cosiddetti paradisi fiscali, nei tentativi di arginare le zone scure, spesso bacino di illegalità e di criminalità. Solamente nel 2014 sono stati registrati 159,5 miliardi di EUR di gettito di IVA persi. Serve maggiore controllo e un lavoro coordinato e condiviso di cooperazione per migliorare lo scambio di informazioni tra i singoli paesi. Dobbiamo poter monitorare più accuratamente e più celermente le anomalie e serve un'azione decisa e chiara rispetto all'azione penale transfrontaliera. Condivido pertanto l'auspicio che venga istituita in tempi brevi una procura europea che, in collaborazione con Eurojust, abbia piena competenza sui reati finanziari e riesca a superare la frammentazione delle operazioni nazionali in materia di cooperazione giudiziaria penale.

 
Note legali - Informativa sulla privacy