Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 6 ottobre 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici 2016 a Marrakech (Marocco) (COP22) (B8-1043/2016)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. ‒ Con estrema soddisfazione abbiamo sostenuto con il nostro voto la ratifica dell'accordo sul clima COP21, permettendo l'entrata in vigore dell'accordo di Parigi in tempo per la COP22 prevista per il prossimo novembre a Marrakech. Un risultato storico e fortemente perseguito dal Parlamento tutto e in particolare voluto dal gruppo progressista. Con il via libera alla ratifica UE, l'Europa ha ribadito il suo ruolo guida nelle azioni di salvaguardia del pianeta e la sua capacità di leadership concreta rispetto alle strategie socio-economiche e ambientali mondiali.

L'Europa c'è quindi e in passaggi come quello di oggi dimostra quanto sia determinata e determinante per il nostro futuro. Ora l'impegno sarà quello di rispettare gli ambiziosi obiettivi fissati per il 2030: ridurre del 40 % le emissioni di gas serra rispetto a quelle del 1990 e investire per incrementare notevolmente le percentuali di rinnovabili e l'efficienza energetica. Continuare quindi con l'impegno comune per un'azione globale, volta a regalare nuove opportunità al pianeta: un futuro solidale e sostenibile, più sano e più sicuro.

 
Note legali - Informativa sulla privacy