Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 25 ottobre 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Strategia dell'UE nei confronti dell'Iran dopo l'accordo nucleare (A8-0286/2016 - Richard Howitt)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. ‒ Ringrazio il collega Howitt per aver redatto questa importante relazione sullo sviluppo delle relazioni Europa-Iran dopo l'accordo sul nucleare di un anno fa. Vorrei sottolineare e ricordare anche io l'importante lavoro di Federica Mogherini come presidente della commissione congiunta incaricata di valutare l'attuazione dell'accordo. Nella relazione rapporto si evidenziano le diverse possibili aree di cooperazione con l'Iran, in particolare il commercio, l'ambiente, l'università, la sicurezza dell'aviazione. Questi settori di cooperazione tuttavia non devono essere sviluppati senza nascondere o celare i numerosi casi di violazione dei diritti umani denunciati in Iran: fa bene quindi la relazione Howitt a chiedere un impegno concreto per l'attuazione degli standard internazionali, in particolare sui diritti delle opposizioni, dei detenuti oltre che una moratoria sulla pena di morte.

 
Note legali - Informativa sulla privacy