Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 25 ottobre 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Meccanismo UE in materia di democrazia, Stato di diritto e diritti fondamentali (A8-0283/2016 - Sophia in 't Veld)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. ‒ È molto importante il testo votato oggi sul nuovo meccanismo di tutela dei diritti umani. La nuova Commissione europea si era impegnata all'inizio del mandato a presentare uno strumento che permettesse all'Europa di agire per rispondere ai numerosi episodi di involuzione nel rispetto dei diritti umani in alcuni paesi membri. Come avviene per i parametri economici o ambientali, l'Europa deve giustamente poter istituire un sistema di controllo del rispetto degli obblighi che derivano per gli Stati membri dal rispetto del trattato di Lisbona e della Carta annessa sui diritti fondamentali. L'azione europea è stata finora anzi molto timida in questo. Ora la Commissione, con il pieno sostegno della commissione per le libertà pubbliche del Parlamento, introduce un indicatore di osservazione e valutazione con criteri definiti, sottoposti al giudizio di esperti ed entità indipendenti nominati dal Parlamento europeo. Il Parlamento sarà vigile nel verificare che la democrazia e lo Stato di diritti siano consoni in tutta Europa ai valori su cui l'UE si fonda.

 
Note legali - Informativa sulla privacy