Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 26 ottobre 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Accessibilità dei siti web e delle applicazioni mobili degli enti pubblici (A8-0269/2016 - Dita Charanzová)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. ‒ È deplorabile constatare come ancora oggi, nel pieno dell'era digitale, l'informazione dei siti web e l'accessibilità alle applicazioni del settore pubblico siano vincolate a restrizioni che ne impediscono un uso ampio e indiscriminato. Una società civile ed emancipata non può permettere che categorie che quotidianamente convivono con disagi e disabilità, siano anche estraniate da un accesso all'informazione libero e semplificato. Mi compiaccio pertanto dei inviti contenuti nella relazione "Accessibilità dei siti web e delle applicazioni mobili degli enti pubblici" che ho supportato con il mio voto, nell'auspicio che il sapere, la conoscenza, l'informazione non restino ingabbiati in sterili barriere, utili solo a rendere più forte la minaccia di esclusione sociale per le categorie più vulnerabili.

 
Note legali - Informativa sulla privacy