Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 27 ottobre 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Situazione dei giornalisti in Turchia (B8-1158/2016, RC-B8-1162/2016, B8-1162/2016, B8-1163/2016, B8-1167/2016, B8-1168/2016, B8-1170/2016, B8-1171/2016, B8-1172/2016)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. ‒ Libertà di pensiero, di stampa, di parola: la Turchia pare non preoccuparsi di violazioni tanto inaccettabili dei diritti umani, perpetrando operazioni di pressioni e repressione sui suoi principali organi di stampa. Impressionanti i numeri che si registrano solo dopo il colpo di Stato di qualche mese fa: 102 i media chiusi e 101 giornalisti detenuti. Il rammarico, francamente, non esaurisce la profonda indignazione verso questi atti totalmente incompatibili con il concetto di democrazia che l'Europa non può e non deve tollerare.

 
Note legali - Informativa sulla privacy