Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 22 novembre 2016 - Strasburgo Edizione rivista

Relazione annuale 2015 della Banca centrale europea (A8-0302/2016 - Ramon Tremosa i Balcells)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. ‒ Condivido il tono della relazione della commissione per i problemi economici e monetari, che esprime un giudizio molto positivo del lavoro della BCE, in particolare per le politiche monetarie a sostegno della crescita e del finanziamento delle operazioni a lungo termine.

Preme anche a me sottolineare le gravi difficoltà economiche della zona euro riflettute nel rapporto, in primo luogo l'occupazione, la bassa inflazione, gli squilibri macroeconomici, la scarsa produttività, la grave assenza di investimenti, il ritardo nelle riforme strutturali nei paesi e una estrema debolezza della domanda.

Mi pare importante che le priorità del gruppo S&D a sostegno della politica monetaria espansiva portata avanti da Mario Draghi siano ben rappresentate, in particolare per aver ribadito che le scelte della BCE, da sole, non possono correggere le incompiutezze della zona euro e che devono essere pertanto accompagnate da investimenti e riforme strutturali equilibrate socialmente.

 
Note legali - Informativa sulla privacy