Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 30 novembre 2016 - Bruxelles Edizione rivista

Fondo di solidarietà dell'UE: valutazione - Situazione in Italia dopo i terremoti (discussione)
MPphoto
 

  Enrico Gasbarra (S&D). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, anch'io, come la collega Angea ero lì, il 24 notte e il 30 mattina alle 7.40, ho vissuto insieme alla comunità quel terribile sisma. Un sisma che non si ferma, signor Presidente, signora Commissaria. Ho sentito i colleghi, li ringrazio, tutti i colleghi italiani che sono intervenuti e anche gli altri colleghi, che hanno ovviamente dato piena solidarietà e sostegno, ma è un sisma particolare, una calamità, particolare. Le scosse stanno continuando, si stanno allargando alle vecchie faglie. Ieri il sisma all'Aquila, stamattina il sisma vicino Reggio Emilia.

La situazione è particolarmente grave e quindi, raccolgo l'appello dei colleghi che ringrazio della commissione per gli affari regionali, che hanno preparato questa risoluzione, importante anche all'articolo 7, collega dell'ALDE, ringrazio il collega Cicu, che attraverso la sua relazione chiede alla Commissione un intervento più puntuale, perché questa Europa deve fare presto, con meno vincoli e più sostegni. Questa Europa deve stare accanto a chi soffre, se non è accanto a chi soffre, a chi ha perso la casa, a chi è morto, a chi deve stare accanto? Come potrebbero capirci i nostri cittadini, se non ci siamo in queste, almeno in queste, occasioni.

 
Note legali - Informativa sulla privacy