Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 1 dicembre 2016 - Bruxelles Edizione rivista

Situazione in Italia dopo i terremoti (B8-1284/2016, B8-1285/2016, B8-1285/2016, B8-1286/2016, B8-1288/2016, B8-1289/2016, B8-1291/2016, B8-1294/2016, B8-1296/2016)
MPphoto
 
 

  Enrico Gasbarra (S&D), per iscritto. ‒ L'Europa ha la responsabilità, di fronte a una tragedia dolorosa come il terremoto che più di una volta ha segnato dolorosamente l'estate di tanti cittadini e comuni del Centro Italia, di intervenire concretamente e urgentemente affinché la ricostruzione di vite, del patrimonio storico e delle relazioni commerciali rinasca in tempi brevi e certi. Per rispondere efficacemente a tale drammatica emergenza, ritengo urgente l'appello alla Commissione affinché si stabiliscano tempi di intervento brevi, si attivino misure volte a semplificare e abbreviare l'iter burocratico di attivazione dei fondi e si vagli la possibilità di ricorrere a nuovi meccanismi di prestito. L'Italia ha bisogno di risposte, tempestive, adeguate e capaci di ricostruire soprattutto la speranza nelle popolazioni colpite.

 
Note legali - Informativa sulla privacy