Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 4 luglio 2017 - Strasburgo Edizione rivista

Preparazione del programma di lavoro della Commissione per il 2018 (discussione)
MPphoto
 

  Laura Agea, a nome del gruppo EFDD. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, ammettiamolo: oggi l'Italia rappresenta per tutti voi qui riuniti lo Stato scemo dell'Unione europea. Non prendiamoci in giro. Fa male ammetterlo, ma è così.

Di chi è la colpa, signori? Della Germania e della Francia, che alzano i muri e ci voltano le spalle in un momento di emergenza? O di tutti i passati governi italiani, che si sono piegati al compromesso per briciole di notorietà? È una vergogna! È una vergogna scoprire che l'Italia, con Renzi, dopo l'operazione "Mare Nostrum" ha firmato l'accordo "Triton", che voi avete proposto come soluzione ad ogni male: imbarcazioni europee in cambio di migranti. È una vergogna che il sistema bancario italiano stia crollando nel nome delle regole dell'austerità che voi avete imposto e che i governi italiani hanno accettato. È una vergogna che l'Unione europea, nata per creare un percorso di solidarietà fra Stati, sia oggi il simbolo di un disegno fallimentare.

Noi, signori, a differenza di quello che viene riportato dalla stampa, ci crediamo nel sogno di un'Europa unita e solidale, e ci crediamo davvero. Ma oggi resta solo un sogno. Perché a parole siete tutti bravi a fare promesse. Volete recuperare un po' di credibilità? Allora sbrigatevi! Numero uno: togliamo subito il cappio dell'austerità dal collo dei più deboli; numero due: stracciamo subito il regolamento di Dublino che ha trasformato l'Italia nel campo profughi di tutta l'Europa. Voi siete disposti a farlo?

 
Note legali - Informativa sulla privacy