Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 13 giugno 2018 - Strasburgo Edizione rivista

Primo anniversario della firma della Convenzione di Istanbul: situazione attuale (discussione)
MPphoto
 

  Daniela Aiuto, a nome del gruppo EFDD. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, già un anno è passato dalla firma della Convenzione di Istanbul da parte dell'Unione europea e siamo oggi qui a ricordarlo. Come in ogni anniversario che si rispetti, facciamo anche un primo bilancio per capire se abbiamo fatto abbastanza rispetto alle aspettative. La risposta è: no, non abbiamo fatto abbastanza.

Certo, lo sappiamo, non è con una firma che le cose possono cambiare. Una firma non ferma né le violenze né le discriminazioni che ogni giorno subiscono le donne in tutta Europa. Quindi facciamo di più, pressiamo i governi degli Stati membri a fare di più, a legiferare nella maniera più efficace e a mettere in campo tutte le forze necessarie perché le violenze contro le donne non si fermano e siamo francamente stanche di aspettare.

 
Ultimo aggiornamento: 20 settembre 2018Note legali - Informativa sulla privacy