Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 4 luglio 2018 - Strasburgo Edizione rivista

Adattamento all'evoluzione del settore dei trasporti (A8-0204/2018 - Ismail Ertug)
MPphoto
 

  Daniela Aiuto (EFDD). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, il cabotaggio irregolare è uno dei principali problemi che colpisce le imprese di autotrasporto italiano. Imprese spregiudicate dell'Est Europa abusano delle norme esistenti, praticando una vera e propria concorrenza sleale nei confronti dei nostri imprenditori, di fatto distruggendo un intero mercato nazionale.

Abbiamo dunque proposto di imporre il veicolo del mezzo nello Stato membro di provenienza, di ridurre i giorni a disposizione a favore del cabotaggio, che deve intendersi come semplice fenomeno occasionale legato ai rientri dei mezzi, di migliorare gli strumenti di controllo, anche tramite la tecnologia GNSS oggi a disposizione.

Pertanto, con il voto odierno esprimiamo tutto il nostro disappunto per non aver voluto includere proposte per risolvere il problema, tutelando ancora una volta alcune realtà piuttosto che altre e penalizzando ancora una volta il nostro Paese.

 
Ultimo aggiornamento: 27 settembre 2018Note legali - Informativa sulla privacy