Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 12 settembre 2018 - Strasburgo Edizione rivista

Situazione in Ungheria (A8-0250/2018 - Judith Sargentini)
MPphoto
 

  Eleonora Forenza (GUE/NGL). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, ho votato con convinzione a favore di questa relazione per le ragioni più volte richiamate dai miei colleghi.

Orbán è stato un esempio di attacco ai diritti dei migranti e addirittura di abusi contro le persone migranti, contro i richiedenti asilo, ha ristretto la libertà di stampa e la libertà di insegnamento, ha attaccato costantemente gli studi di genere, ha attaccato costantemente la libertà delle donne ed è accusato di corruzione. Insomma, tantissime ragioni per votare a favore di questa relazione.

Approfitto allora di questo tempo che mi rimane per porre qui una preoccupazione, quella che riguarda la destra italiana. Forza Italia con il suo voto di oggi ha provato fino in fondo ad affossare la relazione Sargentini. Il ministro dell'Interno Salvini ha stretto la mano ad Orbán, che dovrebbe essere in realtà il suo più feroce avversario, dato che Orbán si oppone a qualsiasi politica dire relocation europea.

Oggi il Parlamento europeo ha dato un buon segnale contro il razzismo in Europa. Sono preoccupata del fatto che l'Italia non sappia fare altrettanto.

 
Ultimo aggiornamento: 13 novembre 2018Avvertenza legale - Informativa sulla privacy