Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 13 novembre 2018 - Strasburgo Edizione rivista

Relazione interlocutoria sul quadro finanziario pluriennale 2021-2027 - Posizione del Parlamento in vista di un accordo (discussione)
MPphoto
 

  Laura Agea (EFDD). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, è chiaro che non abbiamo bisogno di più soldi, ma di soldi meglio spesi. Ovviamente siamo a favore del ripristino dei fondi per la politica agricola comune e anche per le politiche sociali, ma questo va fatto attraverso tagli agli sprechi amministrativi e ai programmi che sono ritenuti inefficienti, ad esempio i fondi stanziati per la per la Turchia. Dobbiamo far sì che il Fondo sociale europeo possa essere utilizzato contro la povertà e la disoccupazione, e vogliamo che fornisca risorse e strumenti per gli Stati che vogliono mettere a punto regimi di reddito minimo.

La proposta che stiamo votando è un libro dei sogni, bello ma non realizzabile. Parliamo in totale di circa 200 miliardi in più. Il punto è: ma chi li metterà questi 200 miliardi? Di sicuro non le risorse proprie, come si vuol far credere, perché ne supportiamo ovviamente la necessità e lo scopo, soprattutto se si riuscirà davvero a colpire l'elusione, l'inquinamento e la speculazione, ma è anche vero che la Corte dei conti europea ha espresso dubbi sulla loro predisposizione in tempi utili per il prossimo bilancio pluriennale e quindi non possiamo sostenere una proposta che più o meno velatamente chiede maggiori contributi da parte dei cittadini italiani al bilancio europeo.

 
Ultimo aggiornamento: 8 aprile 2019Note legali - Informativa sulla privacy