Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 12 marzo 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Fondo Sicurezza interna (discussione)
MPphoto
 

  Cécile Kashetu Kyenge, a nome del gruppo S&D. – Signora Presidente, signor Commissario, onorevoli colleghi, vorrei ringraziare prima di tutto la relatrice, la collega Monika Hohlmeier, per il lavoro fatto insieme a noi.

In questi ultimi anni le minacce alla sicurezza in Europa si sono intensificate e diversificate. Le sfide che l'Unione europea deve affrontare non possono essere più lasciate alla sola competenza degli Stati membri. Occorrono, al contrario, una risposta forte e coordinata a livello dell'Unione nonché risorse adeguate per prevenire e contrastare questo settore in continua evoluzione.

Ma come si garantisce un livello di sicurezza adeguato? Sicuramente attraverso delle misure di contrasto, soprattutto dirette a prevenire e combattere il terrorismo, i reati gravi e di criminalità organizzata e la criminalità informatica, nonché a fornire assistenza e protezione alle vittime di reato.

Ma le misure di contrasto non sono sufficienti. Un livello elevato di sicurezza si garantisce anche attraverso delle misure di prevenzione, di coordinamento e di cooperazione. Grazie ai contributi di questo Fondo gli Stati membri potranno contrastare l'estremismo violento, compresa la radicalizzazione, l'intolleranza e la discriminazione, in particolare attraverso una maggiore cooperazione tra le autorità pubbliche e la società civile in tutti gli Stati membri.

Un punto per noi fermo è il rispetto dei diritti fondamentali e della dignità umana. Questo Fondo deve essere attuato nel pieno rispetto dei diritti e dei principi sanciti dalla Carta dei diritti fondamentali e degli obblighi internazionali. È per questa ragione che abbiamo inserito tra le attività suscettibili di finanziamento anche l'istruzione e la formazione del personale di contrasto in merito ai diritti fondamentali, comprese le misure per individuare ed evitare qualsiasi forma di razzismo.

 
Ultimo aggiornamento: 8 luglio 2019Avvertenza legale - Informativa sulla privacy