Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 17 luglio 2019 - Strasburgo Edizione provvisoria

Assistenza umanitaria nel Mediterraneo (discussione)
MPphoto
 

  Alessandro Panza (ID). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, le ONG si criminalizzano da sole. È notizia di qualche minuto fa che il pm Patronaggio di Agrigento ha chiesto la carcerazione di Carola Rackete per un atto di forza ingiustificato. Lo dice un giudice, non lo dice un politico, che piaccia o meno, è un giudice di uno Stato sovrano, che ha delle leggi e queste leggi devono essere rispettate da chiunque.

Nessuno vuole morti in mare, ma non possiamo lasciare la gestione di un fenomeno così importante a organizzazioni private, di cui magari sappiamo poco. Bisogna dire basta con l'ipocrisia di questo Stato, di questa Unione europea e concentrarsi su stabilizzare i luoghi dal quale queste persone provengono – penso alla Libia – e non lo si fa magari vendendo armi sottobanco a questo o a quell'altro dittatore, ma lo si fa stabilizzando questi territori e consolidando i corridoi umanitari solo per coloro che realmente hanno bisogno di assistenza, e solo quelli che sono realmente rifugiati politici.

 
Ultimo aggiornamento: 29 luglio 2019Avvertenza legale - Informativa sulla privacy