Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 22 ottobre 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Conclusioni della riunione del Consiglio europeo del 17 e 18 ottobre 2019 (discussione)
MPphoto
 

  Marco Campomenosi (ID). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, qualcuno ha detto che è un dibattito che abbiamo già visto, è vero, perché se abbiamo perso due anni perché la Brexit possa finalmente essere attuata, è colpa sì, in parte anche di quanto avvenuto in Gran Bretagna, ma soprattutto colpa di chi, a Bruxelles, pensava fosse uno scherzo, che i britannici non volessero veramente uscire da questa pazza Unione europea. La verità è l'opposto.

La verità è l'opposto e quindi finalmente abbiamo un accordo, vedremo se sarà soddisfacente o no. Vedremo quanto e che cosa porterà. Ma questa è un'Unione europea che, rispetto a quanto accade nel resto del mondo, diciamo, se lo fa cadere addosso, non è protagonista. Però poi usa le crisi internazionali solo per il proprio interesse. Per esempio, ha usato la questione scozzese per destabilizzare il Regno Unito e ignora totalmente la questione catalana.

Ecco questi sono alcuni esempi di casi come la Brexit, cui credo ne seguiranno ulteriori nei prossimi anni.

 
Ultimo aggiornamento: 27 gennaio 2020Note legali - Informativa sulla privacy