Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 22 ottobre 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Conclusioni della riunione del Consiglio europeo del 17 e 18 ottobre 2019 (discussione)
MPphoto
 

  Alessandro Panza (ID). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, le conclusioni della Commissione sui cambiamenti climatici lasciano molto a desiderare.

Come sempre sono stati utilizzati degli approcci ideologici che non risolvono nessun tipo di problema. Lo stiamo vedendo in queste ore nelle province di Verbania nel nord del Piemonte, nella provincia di Alessandria nel centro del Piemonte, dove ci sono morti, dove ci sono allagamenti, frane, smottamenti e strade chiuse. Non è mettendo tasse che si risolve il problema dei cambiamenti climatici, ma è permettendo, ad esempio, agli amministratori locali di poter intervenire senza essere messi in prigione o senza essere accusati di deturpare il territorio.

Un'ultima questione: evitiamo che il fondo di solidarietà, come è stato proposto dalla Commissione e dal Consiglio, venga utilizzato per quello per cui non è previsto, ovvero per eventuali ipotetici fantasmagorici danni provocati da una Brexit. Lasciamo il fondo di solidarietà per le catastrofi naturali, che purtroppo continuano ad avvenire e continueranno ad avvenire sempre più spesso.

 
Ultimo aggiornamento: 27 gennaio 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy