Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 19 dicembre 2019 - Strasburgo Edizione provvisoria

Legge russa sugli "agenti stranieri"
MPphoto
 

  Pierfrancesco Majorino (S&D). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, la libertà di stampa e la presenza di un'informazione libera sono elementi essenziali per la democrazia e lo Stato di diritto, ma Vladimir Putin finge di non saperlo e sarà sufficiente attraverso la nuova legge ricevere finanziamenti dall'estero, diffondere materiale pubblicato dai media di organizzazioni non gradite per essere marchiati come agenti stranieri, finendo così in una lista di registrati sorvegliati, che prima riguardava le ONG e diverse delle testate straniere e oggi perfino i blog.

È evidente che siamo di fronte alla necessità ossessiva di controllare i mezzi di informazione e restringere qualsiasi spazio di dissenso. E questo è giusto condannarlo da qui, come stiamo facendo, ma su questo ci dovrebbero pensare e riflettere, anche qui, gli amici di Putin che siedono tra noi e ragionarci rispetto a quello che è un progetto di società che non possiamo tollerare perché confligge con i nostri valori e la nostra democrazia.

 
Ultimo aggiornamento: 13 gennaio 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy