Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 14 gennaio 2020 - Strasburgo Edizione provvisoria

Situazione in Iran e in Iraq in seguito alla recente escalation delle tensioni (discussione)
MPphoto
 

  Pierfrancesco Majorino (S&D). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, quanto è accaduto in Iraq e in Iran è grave, preoccupante e pericoloso.

Come Unione europea dobbiamo essere uniti e determinati e per questo alcune cose vanno dette con grande chiarezza. L'uccisione del generale Soleimani da parte degli Stati Uniti è stata un atto folle, da condannare, un atto spregiudicato, che rafforza i nemici della democrazia.

Oggi quello che noi non dobbiamo fare, l'errore che non dobbiamo compiere, è gettare l'accordo sul nucleare. Esso, ancor più di prima, è importante, come ha sottolineato l'Alto rappresentante: per noi è un vero e proprio banco di prova.

Infine, sia in Iraq che in Iran c'è una società civile che chiede trasparenza e sviluppo democratico. Dobbiamo ripartire dal sostegno a quelle donne e a quegli uomini per sostenere la via diplomatica e politica e per evitare un'escalation ancora non scongiurata.

 
Ultimo aggiornamento: 27 gennaio 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy