Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 14 gennaio 2020 - Strasburgo Edizione provvisoria

Relazione annuale 2018 sui diritti umani e la democrazia nel mondo e sulla politica dell'Unione europea in materia (discussione)
MPphoto
 

  Andrea Cozzolino, a nome del gruppo S&D. – Signora Presidente, onorevoli colleghi, non è rituale, né un atto burocratico, l'appuntamento di oggi con la relazione del Parlamento sui diritti umani. Semmai, come è già stato ricordato, il voto e l'approvazione avvengono con troppo ritardo: più di un anno e mezzo di ritardo.

Il lavoro unitario che abbiamo fatto ci ha consentito soprattutto di mettere l'attenzione su tanti temi, e i colleghi e le colleghe del gruppo socialista che interverranno segnaleranno le novità della relazione.

A me preme segnalare soprattutto un tema: il fatto che abbiamo posto molto l'accento su come rendiamo più efficace la politica europea per la difesa e la salvaguardia dei diritti umani nel mondo.

E qui il tema dell'impunità è un tema cruciale, decisivo, che abbiamo cercato di mettere al centro, per affrontare un tema più di fondo: di fronte alla sfida della salvaguardia dei diritti umani e della difesa dei diritti umani, come contrastare l'impunità anche attraverso nuovi strumenti, nuovi poteri, in grado di ridurre la diffusione dell'impunità.

Questo è il nostro impegno e la nostra responsabilità, e sarà compito delle prossime relazioni entrare ulteriormente nel merito, fare di questo un tema cruciale della nostra identità, senza se e senza ma, per vincere davvero la sfida nel mondo sui diritti umani, facendo anche scelte forti – mi immagino al prossimo G20 di Riyadh – per condizionare la nostra partecipazione a quell'appuntamento per porre il tema dei diritti umani anche in un grande paese come l'Arabia Saudita.

 
Ultimo aggiornamento: 27 gennaio 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy