Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 15 gennaio 2020 - Strasburgo Edizione provvisoria

Distorsione della storia europea e memoria della Seconda guerra mondiale (discussione di attualità)
MPphoto
 

  Massimiliano Smeriglio (S&D). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, la Seconda guerra mondiale è stata scatenata dai nazionalsocialisti per affermare in Europa e nel mondo una dittatura razziale e antisemita, votata alla Shoah, cioè alla soluzione finale, la sparizione di etnie, religioni e idee politiche considerate nemiche. Contro questo pericolo si sono coalizzate forze diverse e, coalizzandosi, hanno vinto, hanno sconfitto il demone nazista.

Non è mai saggio comparare e costruire similitudini tra vicende storiche diverse e farlo per calcoli politici. Piuttosto imparare dalla storia significa cogliere gli elementi degenerativi, l'humus culturale che ha condotto alla Shoah, coglierli nel presente, e oggi il senso comune alimentato da forze di estrema destra è intriso di razzismo e antisemitismo. La nostra democrazia deve battersi oggi contro il pericolo di un nuovo fascismo.

Dovremmo dedicare questo dibattito ai milioni di persone torturate e uccise ad Auschwitz perché è lì, tra quei forni crematori, che è nata la necessità storica dell'Unione europea, contro il nazionalismo e il razzismo che sono demoni della nostra Europa.

 
Ultimo aggiornamento: 27 febbraio 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy