Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 16 gennaio 2020 - Strasburgo Edizione provvisoria

Nigeria, in particolare i recenti attacchi terroristici
MPphoto
 

  Nicola Procaccini (ECR). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, voteremo a favore per condannare la persecuzione dei cristiani in Nigeria e perché almeno ne stiamo parlando, ma non posso ignorare come nell'articolato di questa risoluzione sia stata cancellata la parola "cristiani" nei confronti degli uomini e delle donne che ogni giorno vengono umiliati, torturati e uccisi in Nigeria, soprattutto durante il Natale o "Season's greetings", come ipocritamente viene chiamato qui dentro.

Proprio ieri l'ONG Open Doors ha reso noto che gli attacchi nei confronti dei cristiani sono stati 260 milioni e 2 983 gli omicidi. È il numero più alto di sempre, più dell'attacco alle Torri gemelle, in un solo anno, nel 2019, ma erano solo 50 le nazioni messe sotto osservazione e in questa orribile classifica la Nigeria non è neppure tra le prime dieci.

 
Ultimo aggiornamento: 7 febbraio 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy