Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 11 febbraio 2020 - Strasburgo Edizione provvisoria

Proposta di mandato per i negoziati per un nuovo partenariato con il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord (discussione)
MPphoto
 

  Marco Campomenosi (ID). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, io vedo tanta ipocrisia. Certo, la risoluzione di domani è un testo che probabilmente è fatto anche molto bene, ma il nostro emiciclo di Bruxelles, dove ci siamo riuniti due settimane fa, è ancora bagnato dalle lacrime di molti di voi. Vedo un atteggiamento schizofrenico anche nelle parole usate dalla Presidente della Commissione, che continua a insistere chiamando amici, amici, amici chi avete cercato di umiliare per tre anni. Perché di tre anni persi, stiamo parlando, perché potevamo essere già molto più avanti se qualcuno non avesse fatto finta che la Brexit non ci sarebbe mai stata, che i cittadini britannici si sono sbagliati.

Quindi parliamo di standard, ma domani voterete un accordo commerciale con un paese asiatico che da questi standard che voi pretendete dalla Gran Bretagna è lontanissimo. Quindi dovete solo sperare che non facciano l'accordo prima con gli Stati Uniti, che sostituirebbero i nostri prodotti, e dovete ascoltare i nostri produttori che esportano tanto in Gran Bretagna. Il tempo perso in questi anni è un danno a loro ed è tutta responsabilità vostra.

 
Ultimo aggiornamento: 12 marzo 2020Note legali - Informativa sulla privacy