Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 11 febbraio 2020 - Strasburgo Edizione provvisoria

Lotta all'antisemitismo, al razzismo e all'incitamento all'odio in Europa (discussione)
MPphoto
 

  Laura Ferrara (NI). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, fenomeni come antisemitismo, razzismo, xenofobia, omofobia e altre forme di intolleranza destano un grande allarme sociale in diversi Stati membri. Si nutrono di pregiudizio e odio, che hanno una preoccupante diffusione sia online che offline.

Proteggere persone e gruppi sociali da qualsiasi forma di discriminazione e violenza dettate da motivi legati al colore della pelle, alla religione, alle opinioni personali o all'orientamento sessuale significa non soltanto garantire a tutti il pieno godimento dei diritti umani e delle libertà fondamentali, ma anche avere una società più coesa e inclusiva.

È necessario che l'Unione europea e gli Stati membri adottino delle iniziative e delle misure di prevenzione, di educazione e di sensibilizzazione, soprattutto per i più giovani, in merito a crimini e discorsi di incitamento all'odio. La maggior parte di essi non viene ancora denunciata e perseguita in modo adeguato. Diverse condotte rimangono impunite, con gravi ripercussioni sulla protezione a sostegno delle vittime. È dunque nell'interesse generale dell'Europa invertire questa tendenza.

 
Ultimo aggiornamento: 12 marzo 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy