Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 12 febbraio 2020 - Strasburgo Edizione rivista

Un'Europa sociale in un mondo digitale (discussione di attualità)
MPphoto
 

  Dino Giarrusso (NI). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, innanzitutto è necessario che nessuno rimanga indietro rispetto alle opportunità offerte dalla rivoluzione digitale. Poiché disparità ci sono, dobbiamo intervenire subito affinché l'Europa digitale sia una chance per ridurre le disparità, non per aumentarle, e questo vale anche per gli imprenditori, non solo per i singoli cittadini. Si sono creati oligopoli che nella tradizione europea per la libera concorrenza vanno regolati, assicurando che i colossi del digitale paghino le tasse ed evitando concentrazioni eccessive e un tipo di concorrenza sleale, penso specialmente al commercio digitale nei confronti dell'economia tradizionale.

Infine, medicina digitale, agricoltura, informazione: nei prossimi anni dovremmo essere in grado di utilizzare il digitale per tutelare meglio la salute, per implementare la produzione agricola e certificare provenienza e qualità dei nostri prodotti e combattere le fake news, poiché è vero che una bugia in rete può viaggiare più rapidamente, ma altrettanto rapidamente può essere smascherata e abbiamo il dovere di creare strutture e sistemi in grado di farlo in maniera veloce, continua ed efficace.

 
Ultimo aggiornamento: 16 luglio 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy