Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
XML 1k
Mercoledì 12 febbraio 2020 - Strasburgo Edizione rivista

Strategia per la parità di genere (discussione)
MPphoto
 

  Antoni Comín i Oliveres (NI). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, disse Rita Levi Montalcini: "Le donne hanno sempre dovuto lottare doppiamente. Hanno sempre dovuto portare due pesi, quello privato e quello sociale. Le donne sono la colonna vertebrale delle società". Nonostante questo, diciamo noi, o proprio per questo, ci sono molte donne in Europa oggi a cui non sono pienamente garantiti i loro diritti in modo efficace. Dati della Commissione: negli ultimi tre anni la differenza nel tasso di occupazione tra uomini e donne è ancora di un 11%,78% tra gli uomini e 66% tra le donne. E c'è ancora un divario tra la remunerazione maschile e femminile del 16%. Per non parlare della violenza contro le donne.

Il cambiamento sociale di cui le donne hanno bisogno per poter vedere pienamente garantiti i loro diritti riguarda tutti noi, donne e uomini. Se noi uomini non cambiamo i nostri ruoli, sia nella sfera pubblica e nel mondo dell'impresa sia nella sfera familiare, sarà impossibile per le donne liberarsi delle situazioni in cui i loro diritti vengono violati così spesso. Cambiare i ruoli, lo dico per esperienza personale. Il femminismo non è una causa delle donne, è una causa di tutta la società.

 
Ultimo aggiornamento: 16 luglio 2020Note legali - Informativa sulla privacy