Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 13 maggio 2020 - Bruxelles Edizione rivista

Conclusioni della riunione straordinaria del Consiglio europeo del 23 aprile 2020 - Nuovo QFP, risorse proprie e piano di ripresa (discussione)
MPphoto
 
 

  Raffaele Fitto (ECR), per iscritto. – Cittadini e imprese ci chiedono ormai da settimane risposte per affrontare la più grande crisi economica e sociale che il nostro continente si trova ad affrontare dal dopoguerra ad oggi.

Abbiamo bisogno di risorse e strumenti innovativi per un QFP e un recovery fund che preservino e rilanciano il tessuto economico, produttivo e sociale europeo: risorse a fondo perduto e non prestiti, più semplificazione e meno burocrazia per le nostre imprese, tutela e rilancio del mercato interno, ed è senza dubbio positivo che questo Parlamento riconosca ciò.

Mi rammarico però che, al tempo stesso, si continui a essere intransigenti su molte proposte, come ad esempio il green deal, o si discuta di nuove tasse sulle imprese per racimolare risorse per il nuovo bilancio comunitario.

Le sfide che dobbiamo affrontare nei prossimi mesi sono senza appello, la situazione che viviamo è straordinaria, è il momento di idee e proposte concrete e reali, non di perseverare in battaglie ideologiche che porteranno l'UE sempre più lontana dai propri cittadina e più vicina al baratro.

 
Ultimo aggiornamento: 3 luglio 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy