Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 14 maggio 2020 - Bruxelles Edizione provvisoria

Legislazione di emergenza in Ungheria e suo impatto sullo Stato di diritto e i diritti fondamentali (seguito della discussione)
MPphoto
 

  Nicola Procaccini, a nome del gruppo ECR. – Signor Presidente, onorevoli colleghi, i decreti emessi dal governo sono frutto di poteri illegittimi. I decreti del premier senza termini di durata sono incostituzionali. Limitare le libertà con un decreto governativo è un atto in tutto contrario alla Costituzione. Sono le parole di Sabino Cassese, Annibale Marini e Antonio Baldassarre, tre dei tanti giudici costituzionali - alcuni anche presidenti della Corte costituzionale - che in Italia hanno condannato pubblicamente la violazione dello Stato di diritto.

In Ungheria un parlamento democraticamente eletto ha attribuito, con una votazione nel parlamento, poteri straordinari al suo governo per fronteggiare l'emergenza sanitaria.

Ora io vi chiedo, colleghi, in quale delle due nazioni si sta violando lo Stato di diritto? La verità la conoscete meglio di me: volete sottomettere due popoli, l'Ungheria e la Polonia, perché dovete, dopo aver provato a sopprimerli con l'oppressione....

(Il Presidente toglie la parola all'oratore)

 
Ultimo aggiornamento: 4 giugno 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy