Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 14 maggio 2020 - Bruxelles Edizione provvisoria

Utilizzo di applicazioni di tracciamento dei contatti nella lotta al coronavirus (discussione)
MPphoto
 

  Dino Giarrusso (NI). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, è un bene che la Commissione europea abbia fornito linee guida per le app che garantiranno la tracciabilità dei contagi, ed è fondamentale fra queste l'attenzione alla privacy dei cittadini, ma altrettanto lo è assicurare la trasparenza delle società che sviluppano le app, affinché non ci siano conflitti di interesse che minerebbero proprio la protezione dei dati degli utenti e la credibilità di questi strumenti.

Questi strumenti devono portarci presto alla riapertura di Schengen, devono portarci a una mobilità garantita in piena sicurezza proprio alle porte della stagione turistica in Europa, mostrando così un'Europa unita nelle difficoltà e non solo nelle diversità.

Avrei anzi visto bene un'unica app per tutti gli Stati membri onde evitare possibili disparità, e a tal proposito ribadisco la totale contrarietà dell'Italia ad accordi come quelli ipotizzati in questi giorni da alcuni paesi su fantomatici "corridoi del turismo" fra Stati membri, che creerebbero pratiche commerciali sleali penalizzando proprio chi si è mosso prima, e meglio di altri, nel combattere il coronavirus.

 
Ultimo aggiornamento: 4 giugno 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy