Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 18 giugno 2020 - Bruxelles Edizione provvisoria

Protezione europea dei lavoratori transfrontalieri e stagionali nel contesto della crisi della Covid-19 (discussione)
MPphoto
 

  Rosanna Conte (ID). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, c'è bisogno di ascoltare, ascoltare tutte quelle istanze che arrivano dai nostri lavoratori transfrontalieri e stagionali, allontanando i tentativi di regolarizzare gli immigrati regolari come è accaduto in Italia.

Se volessimo rispondere seriamente alle esigenze di manodopera delle nostre attività produttive, dovremmo dare priorità ai tanti cittadini disoccupati colpiti dalla crisi, magari valutando la possibilità di introdurre un sistema di voucher per regolamentare i lavori saltuari e abbattere così l'aggravio fiscale.

E qui mi riferisco anche a quei residenti che basano il proprio reddito sulle attività svolte solo in determinate stagioni. Penso, ad esempio, ai balneari, ai maestri di sci e a tutti gli operatori del settore turistico nelle zone costiere, come bagnini, camerieri, addetti alle pulizie. A tutti loro devono essere garantite condizioni di lavoro dignitose e regolate dai singoli Stati Membri. Solo così si darà una prospettiva concreta per uscire da questa crisi.

 
Ultimo aggiornamento: 3 luglio 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy