Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Venerdì 19 giugno 2020 - Bruxelles Edizione rivista

Accaparramento dei terreni e deforestazione in Amazzonia (discussione)
MPphoto
 

  Marco Campomenosi (ID). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, come tutti voi, io questa sera tornerò nella mia città. Domani incontrerò dei sindaci, degli imprenditori, degli artigiani e dei lavoratori. Alcuni mi chiederanno: Marco di cosa avete parlato ieri a Bruxelles? Avete parlato di come aiutare le nostre imprese, di come uscire da una crisi che sarà devastante? No, risponderò che abbiamo dedicato l'intera mattina a parlare dell'Amazzonia. Ma avete parlato di land grabbing, di Cina? No, no, abbiamo parlato di Bolsonaro.

Ovviamente questo Parlamento dedica molto tempo a concentrarsi nella critica nei confronti dei leader conservatori in tutto il mondo. Abbiamo visto l'atteggiamento che quest'Aula ha avuto nei confronti di Trump negli ultimi anni e l'atteggiamento che ha verso governi legittimi all'interno della stessa Unione europea, parlo della Polonia e dell'Ungheria. Abbiamo visto oggi i riferimenti a Bolsonaro come se i problemi dell'Amazzonia nascano con questo governo, governo che fra l'altro avuto grosse difficoltà e problemi nella gestione, come tutti noi, dell'emergenza coronavirus.

L'atteggiamento neocoloniale traspare evidentemente. Ma come, ci pensiamo noi. Noi europei che facciamo accordi commerciali con il Vietnam, che ha standard ambientali ben più bassi di quelli dei paesi sudamericani. Attenzione il mio gruppo, il mio partito è critico e severo anche dell'accordo commerciale con il Mercosur, che per fortuna salterà per il volere dei sudamericani e che non ha alcun senso e che rappresenta un modello commerciale che è superato. Purtroppo il Commissario Hogan ci dice che no, loro andranno avanti dritti, come se nulla se nulla fosse successo. Ebbene, l'ipocrisia quindi da parte nostra, che delegittima anche questo Parlamento, ed è un peccato perché io sono opposizione, io qui devo recitare la parte del cattivo, ma questo atteggiamento penalizza tutti e i cittadini ci chiedono un'attenzione diversa e maggiore grazie.

 
Ultimo aggiornamento: 6 agosto 2020Note legali - Informativa sulla privacy