Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
XML 1k
Venerdì 10 luglio 2020 - Bruxelles Edizione rivista

Il ruolo della politica di coesione nell'affrontare le ripercussioni socioeconomiche della COVID-19 (discussione)
MPphoto
 

  Antoni Comín i Oliveres (NI). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, i dati mancano ancora ma l'esperienza ci dice che una crisi economica come quella attuale aumenterà le profonde disuguaglianze economiche della nostra società. Così è successo con la crisi iniziata nel 2008, e non importa se l'origine sono i mercati finanziari o un virus: i più vulnerabili prendono sempre la parte peggiore.

L'obiettivo delle politiche di coesione è la convergenza economica e sociale tra le diverse regioni dell'Unione, ma in un periodo di crisi questa convergenza si ferma.

È fondamentale adattare le regole dei Fondi strutturali a ogni contesto economico: quando le entrate fiscali degli Stati membri precipitano drammaticamente, come possiamo condizionare la concessione di questi fondi agli stessi criteri di cofinanziamento che chiediamo in una situazione di crescita?

Sì a una maggiore flessibilità e semplificazione, sì a una riserva di emergenza, no a deviare questi fondi verso altri scopi, sì a escluderli dal patto di stabilità.

Adattiamo le politiche di coesione all'attuale contesto di crisi per lottare efficacemente contro le disuguaglianze economiche che mettono a rischio la salute delle nostre democrazie.

 
Ultimo aggiornamento: 15 ottobre 2020Note legali - Informativa sulla privacy