Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Giovedì 23 luglio 2020 - Bruxelles Edizione provvisoria

Conclusioni della riunione straordinaria del Consiglio europeo del 17-21 luglio 2020 (seguito della discussione)
MPphoto
 

  Isabella Adinolfi (NI). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, lo scorso 21 luglio è nata l'Europa della solidarietà.

Questa data verrà sicuramente ricordata come l'inizio di una nuova era: con 750 miliardi di euro stanziati per combattere la crisi economica e con l'emissione di titoli comuni abbiamo piantato il seme dell'Europa del futuro. Raccoglieremo presto i frutti e saremo generosi, li distribuiremo anche a chi sperava di raccogliere soltanto macerie, come i sovranisti italiani e stranieri.

Certo, c'è ancora molto da fare. Il Parlamento europeo si esprimerà per migliorare l'accordo: alcuni tagli, voluti dai paesi che si autodefiniscono "frugali", sono miopi e insensati. Come si può tagliare il programma dell'Unione europea per la salute in piena emergenza sanitaria? Dobbiamo inoltre difendere gli investimenti verso il Sud dell'Europa e rilanciare il turismo e l'industria culturale, che più degli altri hanno sofferto per la crisi pandemica.

Siamo certamente orgogliosi del lavoro svolto, la strada intrapresa è quella giusta. Il sogno di Spinelli e degli altri padri fondatori torna per salvare questa Europa, fino a ieri moribonda. Non abbiamo paura di andare avanti: il futuro ci aspetta.

 
Ultimo aggiornamento: 28 agosto 2020Note legali - Informativa sulla privacy