Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 6 ottobre 2020 - Bruxelles Edizione provvisoria

Legge europea sul clima (discussione)
MPphoto
 

  Alessandra Moretti (S&D). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, Vicepresidente Timmermans, grazie a questo regolamento, l'Europa sarà il primo continente a raggiungere la neutralità climatica al più tardi entro il 2050.

La legge sul clima è la prima legge al mondo ed è la traduzione del nostro impegno politico, che ci pone irreversibilmente sulla strada verso un futuro più sostenibile. È il cuore del Green Deal europeo, offre prevedibilità e trasparenza per l'industria e gli investitori, orienta la nostra strategia di crescita verde e garantisce una transizione più graduale ed equa. Stiamo trasformando le parole in azioni, per dimostrare ai nostri concittadini che facciamo sul serio.

La legge sul clima è anche un messaggio i nostri partner internazionali: questo è l'anno decisivo per alzare il livello di ambizione globale nel perseguimento degli obiettivi contenuti nell'accordo di Parigi e per scuotere, finalmente, le coscienze di quei Paesi, in primis gli Stati Uniti e la Cina, che si sono sottratti ad oggi alle loro responsabilità.

Sono molto orgogliosa del fatto che Parlamento e Commissione abbiano agito rapidamente: un segnale, questo, di come ormai non ci sia più tempo da perdere. Mi aspettavo, a dire il vero, un po' più di ambizione da parte della Commissione. Ma mi auguro che il Parlamento nel voto odierno, e gli Stati membri nei passaggi successivi, si facciano guidare nelle loro scelte future non dall'egoismo ma dalla scienza.

Oggi più che mai non ci possiamo permettere di fallire e la pandemia ha evidenziato plasticamente come sia indissolubile la correlazione tra ambiente e salute. Il lockdown, se ci sarà, non potrà più rinviare l'attuazione del Green Deal europeo: la ripresa avrà successo solo se sarà green ed è nostra la responsabilità di realizzare una strategia di sviluppo che preveda una transizione equa e giusta per tutti.

Dobbiamo votare convintamente questa legge, rimanere coerenti con i nostri ideali e votare un testo ambizioso.

 
Ultimo aggiornamento: 19 ottobre 2020Note legali - Informativa sulla privacy