Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 7 ottobre 2020 - Bruxelles Edizione provvisoria

Ruolo delle autorità europee di vigilanza nello scandalo Wirecard (discussione)
MPphoto
 

  Piernicola Pedicini (NI). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, solo fino a qualche mese fa la Wirecard figurava tra le prime trenta aziende quotata in Borsa in Germania, insieme alla Deutsche Bank, alla Volkswagen, alla Bayer. Eppure è stato un giornalista del Financial Times a scoprire questa frode, così come per il dieselgate sono stati i giornalisti americani a scoprire quella frode.

Oggi parleremo in questa plenaria anche di riciclaggio di denaro sporco e scopriamo che la Deutsche Bank è l'istituto europeo più segnalato, con 1 300 miliardi di euro di riciclaggio; anche in questo caso sono stati i giornalisti a scoprire il caso.

Allora la domanda è: a che cosa servono le Agenzie decentrate se non hanno il potere di fare controllo e vigilanza, se possono soltanto coordinare?

Signor Presidente, la mia questione è quella di riconsiderare l'intero assetto delle Agenzie decentrate, perché evidentemente conflittuali, evidentemente contaminate da conflitto di interesse a favore degli Stati più forti e delle lobby più potenti.

 
Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2020Note legali - Informativa sulla privacy