Επιστροφή στη διαδικτυακή πύλη Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (επιλεγμένο)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Το έγγραφο αυτό δεν είναι διαθέσιμο στη γλώσσα σας και σας προτείνεται σε μία άλλη γλώσσα εξ αυτών που εμφαίνονται στο εργαλείο επιλογής γλωσσών.

 Ευρετήριο 
 Πλήρες κείμενο 
Discussioni
Martedì 20 ottobre 2020 - Bruxelles Edizione provvisoria

Politica agricola comune - sostegno ai piani strategici che gli Stati membri devono redigere e finanziati dal FEAGA e dal FEASR - Politica agricola comune: finanziamento, gestione e monitoraggio - Politica agricola comune - modifica del regolamento OCM e di altri regolamenti (discussione)
MPphoto
 

  Rosanna Conte (ID). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, la nuova PAC deve innanzitutto tutelare la centralità dell'agricoltura per la società e l'economia. La battaglia per la tassazione ecologica è sacrosanta, ma deve garantire il giusto equilibrio tra standard ambientali e sostegno a produttività e competitività. Servono quindi buon senso e flessibilità, elementi che vorremmo vedere nel regolamento sui piani strategici, perché il futuro piano nazionale non può aumentare la burocrazia e cancellare le buone prassi consolidate dalle regioni, come le autorità di gestione.

Ricordo che vi sono già oggi produzioni di fatto sostenibili, come quella del riso in Italia, e sottolineo che ridurre la produzione di carne in Europa, quella vera, favorendo l'import da paesi terzi, rischia di provocare più danni all'ambiente e ai consumatori, invece di alleviarli.

Lo stesso discorso vale per il tabacco, che deve rientrare nella lista dei prodotti aventi il diritto di accedere ai finanziamenti europei della PAC. Il Covid, signori, ci ha insegnato che l'eccessiva dipendenza da paesi terzi in campo industriale è una debolezza che l'Europa non può permettersi. Non facciamo lo stesso errore con l'agricoltura, sosteniamo settori come quello del vino e del miele e aiutiamo i nostri agricoltori a rialzarsi.

 
Τελευταία ενημέρωση: 19 Νοεμβρίου 2020Ανακοίνωση νομικού περιεχομένου - Πολιτική απορρήτου