Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 20 ottobre 2020 - Bruxelles Edizione provvisoria

Raccomandazione al VP/AR e al Consiglio in preparazione del processo di revisione del trattato di non proliferazione nucleare (TNP) del 2020, il controllo degli armamenti nucleari e le opzioni di disarmo nucleare (discussione)
MPphoto
 

  Fabio Massimo Castaldo (NI). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, Alto rappresentante, il deteriorarsi dei rapporti tra gli Stati dotati di armi nucleari, le campagne di modernizzazione degli arsenali e dei sistemi di lancio, il collasso del trattato INF e lo stallo negoziale del trattato START, l'uscita degli Stati Uniti dall'accordo sul nucleare iraniano e dal trattato Open Skies, la pericolosa retorica sull'utilità delle armi nucleari sono tutti segnali estremamente preoccupanti di una ripresa alla corsa degli armamenti che il mondo non può assolutamente permettersi.

Per questo sono convinto che il rinvio della decima Conferenza di revisione del TNP debba essere interpretato come una vera e propria opportunità. Come europei dobbiamo riaffermare con forza, ancora una volta, la centralità e l'imprescindibilità del TNP, e anzi rilanciare, essere ancora più ambiziosi, perché l'alternativa è semplicemente terrificante.

Approfittiamo di questo tempo aggiuntivo per intensificare il dialogo, tanto con quegli attori che condividono le nostre stesse preoccupazioni, suggerendo nuove iniziative congiunte, quanto con gli attori che ne sono distanti, cercando compromessi su tutti quei temi che rischiano di complicare o persino di minare alla base il successo della conferenza.

È quindi fondamentale che gli Stati membri arrivino alla conferenza con una posizione forte e coordinata a livello europeo, anche basata sulla posizione che voteremo in questa plenaria, che affermi chiaramente che la pace e la sicurezza internazionali sono rafforzate in un mondo libero dall'esistenza o dalla proliferazione delle armi nucleari, che il disarmo nucleare non significa solo la riduzione del numero di testate attive, ma anche il ridimensionamento del ruolo militare e politico che viene assegnato a questo tipo di armi.

 
Ultimo aggiornamento: 22 ottobre 2020Note legali - Informativa sulla privacy