Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
XML 1k
Lunedì 26 aprile 2021 - Bruxelles Edizione provvisoria

Piano di gestione pluriennale per il tonno rosso nell'Atlantico orientale e nel Mediterraneo (discussione)
MPphoto
 

  Annalisa Tardino (ID). – Signor Presidente, onorevoli colleghi, signor Commissario, siamo qui, alle 23, per discutere di tonno rosso senza un voto definitivo, dopo un anno esatto di lavoro, perché il Consiglio ha irresponsabilmente deciso di respingere l'accordo raggiunto, un comportamento che ha ben pochi precedenti.

Oggi chiediamo pertanto un sostegno largo su un documento che finalmente sottolinea le peculiarità e i bisogni della piccola pesca artigianale, che prevede deroghe per le piccole imbarcazioni e che consente flessibilità agli Stati membri non solo in caso di crisi sanitaria ma anche di condizioni meteorologiche avverse.

Un testo che, soprattutto, prevede una maggiore allocazione di quote per la piccola pesca artigianale, in particolare in tutti quegli Stati che, come l'Italia, ne hanno destinato finora meno del 20%, un giusto riconoscimento che ripaga gli sforzi profusi in questi anni dai pescatori per rispettare i limiti imposti dai piani europei precedenti.

Noi siamo qui per difendere questo documento perché ognuno in politica, come nella vita, deve assumersi le proprie responsabilità e schierarsi se del caso: noi abbiamo scelto di schierarci a sostegno della piccola pesca, dei lavoratori che si sacrificano per il mare, coloro che oggi sono messi a dura prova dalle conseguenze della pandemia, oltre che da anni di regole eccessivamente punitive. Gente che si aspetta risposte rapide e precise da voi e non giochetti di potere cui bisogna, anzi, porre fine.

 
Ultimo aggiornamento: 5 maggio 2021Note legali - Informativa sulla privacy