Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
XML 1k
Martedì 18 maggio 2021 - Bruxelles Edizione rivista

Tutela dei diritti umani e politica esterna dell'UE in materia di migrazione (discussione)
MPphoto
 

  Nicola Procaccini (ECR). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, eccoci di nuovo qui, di fronte a un'altra occasione persa.

Dentro quest'Aula si discute di diritti umani nei paesi terzi e di come favorire l'attività immigrazionista delle navi ONG. Fuori da qui, in Spagna, un governo socialista ha appena schierato l'esercito per fronteggiare 6 000 immigrati arrivati in meno di 24 ore.

Fuori da qui una nave ONG tedesca sta facendo sbarcare, in questo momento, 400 immigrati in Italia, malgrado già ne siano sbarcati oltre 15 000 dall'inizio dell'anno, il triplo dell'anno scorso.

Fuori da qui dittatori e scafisti fanno affari d'oro con l'ipocrisia dell'Unione europea, mentre i migranti che riescono a sopravvivere alle traversate in mare finiscono nelle mani della criminalità organizzata come manodopera a basso costo.

Qui dentro vi ripulite la coscienza, criticando gli Stati europei che non aprono le porte all'immigrazione; fuori da qui le città di Italia, Spagna, Grecia, Malta vengono trasformate in enormi campi profughi.

Uscite da qui dentro e affrontate la realtà, per il bene di tutti!

 
Ultimo aggiornamento: 21 luglio 2021Note legali - Informativa sulla privacy